Chi siamo e Cosa proponiamo

Istituto GEA (Italia):
CHI SIAMO E COSA PROPONIAMO

GEA, istituto per l’analisi geobiofisica e geobiologica dell’ambiente
GEA, institute for geobiophysical and geobiological analysis of environment

GEA, institute for geobiophysical and geobiological analysis of environment è l’Istituto italiano per la promozione dell’analisi geobiofisica e geobiologica dei luoghi.
Questa analisi è parte integrante della progettazione in “Baubiologie” (architettura biologica). L’Istituto GEA si pone come scuola di pensiero estranea all’esoterismo nel settore dell’analisi percettiva dell’ambiente e propone laboratori di Autovalutazione Percettiva e Geologia Percettiva aperti a tutti, e Seminari “Sentire la Terra a…” per imparare a percepire lo scambio energetico tra noi e il substrato geologico.

I NOSTRI PUNTI DI FORZA:
– non abbiamo mai condiviso niente che avesse a che fare con la vendita di stuoie o di altri gadget per la “schermatura” (impossibile) dai campi energetici naturali che formano le zone di disturbo.
– abbiamo scoperto ed evoluto l’Analisi Geobiofisica dell’ambiente che valuta lo scambio energetico con il substrato geologico, prerogativa che è esclusiva del nostro Istituto.
– proponiamo l’insegnamento esclusivo dell’Analisi Geobiofisica dei luoghi.
– abbiamo messo apunto un metodo di analisi geobiologica evolvendo quello insegnato dal Forschungskreis fur Geobiologie, il Gruppo di Ricerca tedesco fondato dal dr. Hartmann, e formulato un catalogo delle zone di disturbo naturali finora accertate dalla rilevazione percettiva e comprovate da significativi effetti sul benessere diagnosticati dalla Medicina Funzionale.
– proponiamo Laboratori di Autovalutazione Percettiva su base oggettiva unici nel loro genere che permettono di autovalutare la propria propensione alla percezione “sottile” basandosi su riscontri oggettivi e non sulle “verità” del guru di turno.
– proponiamo Laboratori di Geologia Percettiva che permettono di approfondire la percezione geobiofisica dello scambio energetico del substrato geologico.
– proponiamo Seminari teorico-esperienziali gratuiti “Sentire la Terra” per avvicinare le persone anche solo un po’ curiose a questo allargamento delle percezioni e a questo approfondimento del piacere di vivere nell’ambiente e nel paesaggio.
– proponiamo corsi agli insegnanti sulle tematiche della percezione geobiofisica, e percorsi su queste tematiche per gli alunni delle scuole di ogni ordine, dall’infanzia alle superiori, con il progetto “la Geobiofisica va a scuola”.
– gestiamo il Registro degli Esperti in Analisi Geobiofisica e Geobiologica dei Luoghi che permette a tutti gli interessati di scegliere un esperto con una formazione e una capacità verificate.
– oltre alla partnership con il Forschungskreis fur Geobiologie “dr. Ernst Hartmann” di Waldbrunn (Heidelberg), la prima e più influente associazione del settore, vi è stata anche una collaborazione con l’Ente di Gestione dei Parchi dell’Astigiano che ha fruttato la pubblicazione dell’unico libro per bambini che parli di geobiofisica e geobiologia, molto bello e divertente, i bambini ‘sentono’ e ascoltano la terra, la voce ‘segreta’ della terra.

LA NOSTRA “MISSION”:
Il nostro Istituto, pur con le difficoltà legate al lavoro volontario proprie di una piccola associazione no profit indipendente, si è dato il compito di fare informazione e formazione e di costituire un fondamentale punto di riferimento nel settore dell’analisi energetica dell’ambiente nel nostro Paese.
Rimanendo fermamente contrario alle proposte mistificatorie di stuoie schermanti e “oggetti antidisturbo” e concentrando la propria attività sulla professionalità e sulla deontologia, il nostro Istituto si è guadagnato la fiducia del Forschungskreis für Geobiologie “dr. Ernst Hartmann” (il gruppo di ricerca fondato in Germania dal dottor Hartmann nel 1961) ed è in Italia l’unica realtà che opera per garantire ai committenti indagini corrette, verificabili e ripetibili.
Le finalità principali sono: l’informazione del pubblico sui temi dell’Analisi Geobiofisica dell’ambiente e della rilevazione geobiologica delle zone di disturbo, e la selezione di associati Esperti che siano in grado di garantire analisi e rilevazioni corrette e verificabili.
Informazione:
Per l’attività di informazione abbiamo investito una considerevole parte delle nostre risorse nella realizzazione di questo sito internet e nella traduzione del libro dei docenti dell’università di München H.L. König e H-D. Betz “Der Wünschelruten Report” (il rapporto sulla rabdomanzia), che sarà così a disposizione del pubblico italiano interessato alla scientificità e alla plausibilità delle analisi geobiologiche; inoltre abbiamo in programma di pubblicare un estratto divulgativo dello studio medico scientifico “Risikofaktor Standort” (Luogo come fattore di rischio) del prof. Otto Bergsmann.

L’Istituto GEA propone Laboratori di Autovalutazione Percettiva per permettere a chi voglia passare con noi un fine settimana di valutare la sua capacità di percezione dei campi elettromagnetici e Laboratori di Geologia Percettiva per chi voglia camminare accompagnato da un geologo e da un esperto in analisi geobiofisica in percorsi geologicamente particolari che danno sensazioni “forti”.
I Laboratori e i Seminari “Sentire la Terra” sono nostre proposte originali, uniche nel loro genere, frutto delle esperienze fatte dal gruppo dirigente dell’Istituto GEA con il Professor R. Chiari, geologo, esperto di geofisica, docente all’Università di Parma, e in Germania con il Forschungskreis “dr. Ernst Hartmann” di Waldbrunn (Heidelberg).
Diffidate delle imitazioni!
I Laboratori di Autovalutazione Percettiva su base oggettiva si prefiggono di dare ai partecipanti la possibilità di provare la propria capacità di relazionarsi con i campi elettromagnetici naturali e tecnici attraverso la percezione biofisica, ottenendo però una verifica oggettiva di quanto percepito per esercitare un’autovalutazione consapevole.
Posto a premessa delle prove di percezione, un lavoro con esercizi di Autoregolazione Bioenergetica stabilisce un maggior contatto con se stessi, favorisce un salutare riequilibrio tra mente e corpo e aumenta il radicamento, la capacità percettiva e la sensibilità sottile.
La partecipazione ai Laboratori di Geologia Percettiva è una utile e divertente esperienza che dà le basi necessarie a percepire le variazioni del proprio stato energetico in relazione al luogo in cui ci si trova. Questi Laboratori si prefiggono di dare ai partecipanti la possibilità di provare a relazionarsi con l’energia del territorio, con la verifica oggettiva di quanto percepito; offrono uno spazio in cui con le proprie facoltà percettive applicate all’ambiente si può “sentire” la differenza nel permanere su terreni di diversa natura geologica o con diverse situazioni geologiche, idrogeologiche e geofisiche; nei Laboratori di Geologia Percettiva è approfondito il discorso dell’interazione che esiste tra la Terra e gli esseri viventi; si esaminano sinteticamente gli aspetti fondamentali della Geologia e della Geofisica locale.
L’Istituto GEA propone inoltre Seminari teorico-esperienziali di una giornata inaugurati da, quello tenuto a Villa Nobel di San Remo e sul sovrastante Monte Bignone nel 2006, dal titolo:Sentire la Terra, benessere e geologia del luogo”.
Altra importante attività dell’Istituto è quella nelle scuole che riguarda sia il lavoro con gli insegnanti, sia – e soprattutto – il lavoro con gli studenti. L’Istituto GEA ha ideato dei progetti rivolti alle Scuole al fine di sensibilizzare allievi e insegnanti verso un nuovo approccio percettivo alle tematiche ambientali.
Sviluppare la conoscenza del proprio territorio, approfondire il legame con ciò che ci circonda e nel quale spesso affondano le nostre radici, imparare a relazionarsi con l’ambiente divenendo fruitori coscienti, tutto questo è possibile sviluppando la capacità di ascoltare – attraverso l’utilizzo del corpo e dei sensi – ciò che l’ambiente ci offre.
Per ampliare la diffusione della nostra scuola di pensiero abbiamo pubblicato articoli divulgativi su periodici, come sul mensile “Terra Nuova” o sul bollettino di Tra Terra e Cielo.
Inoltre abbiamo pubblicato articoli e redazionali su riviste di settore come BioCasa o su supplementi dedicati alla Bioedilizia anche con lo scopo specifico di pubblicizzare presso i progettisti il nostro Registro degli Esperti in Analisi Geobiofisica-geobiologica dei Luoghi.
L’Istituto GEA ha collaborato alla redazione del libro a cura dei docenti dei Politecnici di Milano e Torino, prof. Gianni Scudo e prof. Mario Grosso “Progettazione ecocompatibile dell’Architettura, Concetti e metodi, strumenti d’analisi e valutazione, esempi applicativi”  Simone Edizioni, 2005, scrivendone il secondo capitolo, di 35 pagine, “Analisi energetica-geobiofisica del sito”. Il libro è proposto come testo di studio universitario.
L’Istituto GEA ha elaborato anche un racconto per avvicinare i bambini alla Geobiofisica che, dopo essere stato alla base delle proposte educative nei nostri interventi didattici nelle scuole dell’infanzia e primarie, è approdato alla pubblicazione ad opera dell’Ente Parchi dell’Astigiano come quaderno didattico: “La voce segreta della Terra, i bambini sentono e ascoltano la Terra“, a cura dell’arch. Mariangela Migliardi che lo ha anche magnificamente illustrato.
Selezione di associati Esperti che siano in grado di garantire analisi e rilevazioni corrette e verificabili
l’elenco di soci denominato “Registro degli Esperti” è rivolto a quei soci che vogliano svolgere in modo serio, efficace ed esente da componenti esoteriche, le analisi di abitazioni o di terreni di progetto per la prevenzione delle geopatologie e per il benessere abitativo.

Per l’ingresso nel Registro degli Esperti in Analisi Geobiofisica dei Luoghi (E.A.G.L.) curato dall’Istituto GEA sono necessari il possesso di una formazione approfondita in materia che preveda il superamento di una prova pratica.
Formazione:
ai membri del Registro E.A.G.L. è fornito un aggiornamento continuo con seminari specifici in cui vi è anche una parte di auto-verifica.

LA NOSTRA STORIA:
L’Istituto GEA nasce nel 1996 come “GEA Geobiologia e Ambiente, associazione culturale” per volontà di un gruppo di persone legate all’Architettura Bioecologica e alla Bioarchitettura che avevano sviluppato la loro ipersensibilità percettiva facendola diventare una capacità professionale di individuazione e riconoscimento delle zone di disturbo naturali e avevano una comune visione di come proporre queste tematiche ai professionisti della progettazione e della salute e al pubblico più vasto.
Nel 1997 vi è la presentazione ufficiale della nuova associazione al SANA di Bologna con un primo convegno che vede la partecipazione di un centinaio di persone.
Sempre nel 1997 a “Corte Molon” di Verona l’associazione GEA propone il primo Laboratorio di Autovalutazione Percettiva, messo a punto da Pier Prospero e Marilinda Residori, laboratorio che a quei tempi era ancora sperimentale ma raccoglie l’adesione di un bel numero di partecipanti.
Negli anni successivi si sussegue la partecipazione al SANA con un piccolo stand e con l’organizzazione di convegni molto seguiti.
Continua la proposta di Laboratori sempre più perfezionati; le iniziative raccolgono l’adesione di un gran numero di persone.
I fondatori di GEA seguono un “apprendistato” per imparare le basi della Geologia, della Geofisica e della percezione dello scambio energetico con i viventi svolto “sul campo” con il geologo prof. Roberto Chiari (allora docente di Petrologia all’Università di Parma).
Da questa esperienza, e sulla scorta delle esperienze fatte in precedenza da Marino Zeppa nell’associazione HSA di Torino, nascono i Laboratori di Geologia Percettiva.
Nel 1999 il gruppo dei soci fondatori di GEA partecipa al seminario “Wassersuchkurs 1” (corso di ricerca dell’acqua) tenuto in Germania dall’ing. Hans Schroeter, il più grande rabdomante vivente, e ottiene ottimi risultati con la “nomination” di due propri membri a “partecipanti più sensibili” e la consegna alla prima in assoluto, Mariangela Migliardi, di un simbolico premio consistente in una bella bacchetta da rabdomante in acciaio armonico.
Da questo momento si avvia una fruttuosa collaborazione con il gruppo tedesco il cui presidente Günter Engelhardt verrà due volte in Italia come relatore a convegni organizzati da GEA.
Nell’anno successivo l’assemblea dei soci GEA elegge un nuovo presidente il quale frequenta il corso professionale proposto dal gruppo tedesco e porta in Italia le conoscenze così acquisite facendole diventare patrimonio dell’intero gruppo dei soci dirigenti dell’associazione.
A questo punto può essere concretizzato l’obiettivo, posto fin dalla fondazione, di selezionare e proporre degli esperti in Analisi Geobiofisica dell’ambiente in un “Registro” pubblico.
Nel 1999 lo Statuto viene modificato per porre le necessarie premesse perché l’associazione si presenti come “scuola di pensiero”.
Nel 2002 viene nuovamente modificato lo statuto per trasformare l’associazione GEA in “Istituto GEA – Geobiophysical Environmental Analysis”, dargli più marcatamente la struttura di una scuola di pensiero e iniziare ad occuparsi anche di formazione per i primi soci Esperti.
Negli anni successivi si tengono altri corsi e annualmente è proposto un seminario per i soci diplomati che sono diventati degli Esperti dell’Istituto.
Al posto delle conferenze divulgative l’Istituto inventa e propone i seminari gratuiti “Sentire la Terra a ...” che in una giornata e con aspetti ludici e paesaggistici o storico/artistici permettono di contattare molte persone interessate e di far loro sperimentare lo scambio energetico, base della Geobiofisica, in luoghi particolarmente “forti” e interessanti da questo punto di vista.
Nel 2010 lo statuto viene nuovamente riformulato per adeguarlo alla sopraggiunta normativa e soprattutto per porre dei criteri per l’ingresso degli associati (che prima era libero a tutti i maggiorenni) e per l’appartenenza all’Istituto, impedendo definitivamente di diventare e di restare associato a chi ha relazioni con l’esoterismo, l’occultismo e la vendita di “apparecchi antidisturbo” (gadget mistificatori che pretendono di schermare dalle zone di disturbo naturali).